Quanto durerà il regno di Wladimir Klitschko

Quanto durerà il regno di Wladimir Klitschko

Nonostante Floyd Mayweather sia nelle prime pagine di tutti i giornali specializzati di pugilato e universalmente considerato il migliore pound for pound, c’è un pugile che per risultati e vittorie rimarrà nella storia di questo sport almeno tanto quanto lui, si tratta dell’ucraino Wladimir Klitschko.

Imbattuto da 11 anni, Wladimir ha collezionato un’impressionante serie di 22 vittorie consecutive riuscendo a riunire quasi tutte le corone dei mesi massimi. Con un record di 64 vittorie e soltanto 3 sconfitte, si conferma uno dei pesi massimi più assidui e vincenti del pugilato moderno e nessuno dei suoi rivali negli ultimi 11 anni sembra averlo messo minimamente in difficoltà.

Ma vediamo chi possono essere i pugili che stanno attaccando la corona di Klitschko per spodestarlo dal suo trono.

Il primo pugile che potrebbe affrontare Klitschko è un interessante americano che è ancora poco conosciuto al pubblico internazionale, Deontay Wilder. Nonostante la stampa Europea lo ignori e le sue prestazioni sono state eclissate dal dominio dei fratelli Klitschko, Wilder vanta un eccezionale record di di 34 vittorie su 34 incontri, 33 delle quali prima del limite. Neanche Mike Tyson era riuscito a tanto! Deontay è inoltre detentore di una delle cinture più importanti della categoria, il titolo WBC dei pesi massimi, lasciato vacante da Vitali Klitschko, fratello di Wladimir, solamente un anno fa. Wilder si è fatto notare per la sua potenza ed esplosività nel ring, ma la sua tecnica è ancora grezza e la difesa vulnerabile e confusa, cosa che renderebbe una sua vittoria contro Wladimir molto improbabile. Inoltre non ha mai incontrato un pugile di grosso calibro ed ha avuto spesso la possibilità di impostare gli incontri sfruttando il suo vantaggio in altezza.

Nonostante non si sia ancora affermato come grande campione sul ring, la sua vita personale è stata notata negli Stati Uniti tanto da ispirare un libro biografico, “Deontary – The future World Champion”, che racconta di come il pugilato lo abbia aiutato ad uscire dai bassifondi di una piccola cittadina dell’Alabama per riportare il titolo mondiale negli Stati Uniti. Per ora parte del suo sogno si è già realizzato, ma la stampa internazionale stenta e riconoscerlo come grande campione.

Probabilmente Wilder terrà il prossimo incontro con Alexander Povetkin che ha già combattuto e perso con Wladimir nel 2013.

Il secondo campione che potrebbe impensierire il regno di Wladimir Klitschko è Anthony Joshua, pugile Inglese che è già diventato famoso per la sua vittoria alle recenti Olimpiadi Londinesi della medaglia d’oro nei pesi super massimi. Joshua è già una star in tutti i sensi in Inghilterra e la stampa Europea lo acclama come uno dei pugili più potenti del momento.

In solo 2 anni ha portato a casa 13 vittorie tutte per la via del cloroformio. Notevole la sua ultima vittoria contro il veterano Kevin Johnson, che non era mai stato fermato prima del limite. Anthony è riuscito a mandarlo al tappeto 2 volte in 2 round prima che l’arbitro fermasse l’incontro.

In ogni caso la mancanza di esperienza e la giovane età potrebbe essere un problema contro Wladimir che invece, nonostante l’età, si è sempre tenuto in ottima forma e con gli anni ha affinato la sua tecnica e sicurezza nel ring.

Anche se Wilder affronterà Povetkin nella sfida per la difesa della corona WBC, Anthony Joshua ha già dichiarato il suo interesse ad attaccare il record di Wilder dichiarando che ha combattuto soltanto contro pesi massimi senza difesa e che non riuscirebbe ad andare oltre la seconda ripresa nel caso si sfidassero.

Ma il più probabile prossimo rivale di Klitschko è l’inglese Tyson Fury. Figlio di una famiglia di ginatani con una buona tradizione di pugilato e street fight, Fury alla giovane età di 26 anni ha già collezionato 24 vittorie consecutive e nessuna sconfitta. Il promoter di Fury, Frank Warren, considera Tyson già il peso massimo più forte del mondo e capace di portar via le cinture di Klitschko. Warren ha lanciato la sfida al regno di Wladimir per gli ultimi 18 mesi ma non ha avuto nessuna risposta positiva sino ad ora. Ma adesso la WBA sta imponendo il match con Tyson come obbligatorio e dalle recenti dichiarazioni del campione del mondo sembra che l’incontro con Tyson sia il più possibile.